L’ ITS nei contenuti

L’ITS promuove corsi biennali di specializzazione post-diploma legati alla filiera agroalimentare al fine di costruire competenze tecniche di alto profilo, ma a forte contenuto professionalizzante ed operativo. I percorsi formativi prenderanno avvio con l’anno accademico 2015-2016 e saranno finalizzati al conseguimento di diploma di tipo europeo (V° livello EQF – Euopean Qualification Framework). Giovani e adulti potranno accedere ai percorsi realizzati degli ITS con il possesso del diploma di istruzione secondaria superiore; verranno previste delle prove di ingresso iniziali al fine di selezionare i partecipanti. Il biennio di formazione prevederà l’acquisizione di conoscenze teoriche, abilità specialistiche e competenze professionali che consentiranno al Tecnico Superiore di intervenire nei processi di produzione, gestione e controllo di beni e servizi, sviluppati in contesti di lavoro tecnologicamente avanzati anche mediante stage in azienda, project work ed apprendimento nei luoghi di lavoro. Ai fini del rilascio del diploma di cui sopra, i percorsi formativi si concluderanno con verifiche finali delle competenze acquisite, condotte da commissioni d’esame che assicureranno la presenza di rappresentanti della scuola, dell’università, della formazione professionale e dell’impresa. L’ITS avrà sede legale in Alghero, loc. Santa Maria La Palma; altre sedi operative potranno essere previste per lo svolgimento delle diverse attività presso le sedi dei fondatori, ed in particolare istituzioni scolastiche, imprese, enti di formazione e di ricerca.

Finalità

Potremmo considerare l’ITS come una sorta di “piccolo politecnico”, che propone un’offerta formativa post-diploma alternativa e differenziata da quella universitaria, perché più marcatamente professionalizzante e finalizzata ad un ingresso immediato e coerente nel mercato del lavoro. Nell’ambito della Fondazione, istituti scolastici, università ed imprese, potranno unire i rispettivi know-how e le rispettive competenze per creare occupazione giovanile valorizzando la peculiarità del territorio e rispondendo, di conseguenza, alla domanda proveniente dal mondo del lavoro. Negli ITS è stato attribuito fondamentale rilievo all’unione “scuola – impresa” sia nella fase di individuazione dei profili professionali che in quella di progettazione e realizzazione dei percorsi formativi per i quali è previsto che:

  • Gli stage aziendali dovranno “pesare” per almeno il 30% del monte orario complessivo
    (1800/2000 ore ripartite in quattro semestri);
  • I docenti dovranno provenire, per almeno il 50%, dal mondo del lavoro.

La presenza dell’Università, dell’Accademia di Belle Arti e di Enti di ricerca all’interno della Fondazione ITS costituisce un elemento di notevole valore aggiunto, poiché potrà assicurare quell’approfondimento scientifico tecnologico tipico dell’alta formazione ed a garanzia di un elevato grado di conoscenza.
L’ITS si propone come “scuola” di eccellenza, con un forte richiamo regionale (ma anche nazionale) co-governata, anche in termini di progettazione, dalle imprese interessate ai profili professionali proposti. La Fondazione, inoltre, forma, promuove e diffonde espressioni della cultura, con particolare riferimento alla cultura d’impresa e di gestione.